Il libro di Vesevo

Mi è sempre piaciuto definire la mia vita un “libro aperto” pieno di tanti capitoli quanti i momenti vissuti, adornato di colpi di scesa, di emozioni, paure, dove la protagonista (che sarei io), entrava in contatto con tanti personaggi buoni e cattivi, dove i primi vincevano sempre sui secondi, dove il bianco illuminava e faceva luce sul nero, dove la cattiveria non esisteva, dove sentimenti come l’invidia o il rancore facevano posto ad amore e fiducia…. ma poi col passare del tempo e col girare delle pagine, mi sono accorsi che non era proprio così.

Girando le pagine del mio libro, mi accorsi che gli ultimi capitoli venivano sempre macchiati dalla tristezza, dalle lacrime, dal fatto che quando insegui un sogno per tanti anni, poi non riesci più a capire se i mezzi per raggiungerlo siano quelli desiderati, il “fine” spazza via il resto, l’importante è far realizzare i sogni, ma senza più capire se quello che si è sognato è ciò che si desidera, trascinandosi poi in un vortice nero e scuro verso il basso… forse dopo tanti avvenimenti tristi, dopo che quasi avevo perso la lucidità nell’agire che mi ha sempre caratterizzata, è solo in quel momento che decisi di mettere la parola FINE al mio libro.

Tutto è accaduto molto velocemente, il confine è stato sottile ed indolore. Non credevo dopo aver girato tutte le pagine ed aver richiuso anche la copertina in cuoio, che ci sarebbe stato altro spazio per me, non avevo capito che un nuovo inizio stava partendo sulla mia fine.

Non ricordo con precisione quale sia stata la prima parola che ha iniziato il secondo libro della mia vita, però ricordo benissimo un paio di persone che in quel periodo hanno fatto di tutto, ma proprio tutto, per farmi aprire un nuovo libro e scritto per me le prime frasi.

Come oggi, era una fredda mattinata di fine gennaio di 2 anni fa, nevicava… quando una comparsa del mio libro precedente, aveva deciso di diventare il personaggio principale del mio nuovo racconto: Vesevo.

Da quel giorno sono ripartita ed è stata una risalita a senso unico, ma ciò che conta è che ci sono riuscita e che se pur a fatica, ho iniziato una nuova vita, cercando di lasciarmi il passato alle spalle, cercando di non ricadere negli stessi sbagli ed approfittando di quella poca esperienza accumulata per avere le capacità necessiarie di affrontare un nuovo rapporto maturo e serio nonostante attorno a se avesse solo terra bruciata e cenere…

Eravamo da soli, ma non per questo non abbiamo vissuto,

Eravamo da soli, ma non per questo non abbiamo creduto nel nostro amore e lottato contro tutti e tutto,

Eravamo da soli, spaventati, ma ci siamo mostrandoci più duri della situazione, facendoci trovare convinti e motivati e piano piano ci sono state riaperte tutte quelle porte che mi avevano sbattuto contro.

Ora, a distanza di due anni precisi… o quasi, Vesevo è il mio nuovo libro, e finalmente abbiamo deciso di provare ad allargare la famiglia… è così che nasce ASPIRANTE MAMMA.

Il libro di Vesevoultima modifica: 2011-01-29T09:10:00+01:00da aspirantemamma
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Il libro di Vesevo

  1. Non potevo non scrivere niente… che dire… i complimenti per la presentazione 🙂
    sono contento di sapere che il tuo nuovo libro inizia con me… abbiamo ancora tanto da scrivere.
    Continua così eh.. io non c’è bisogno che leggo tutto, me lo spieghi te, vero?

Lascia un commento