I TEST OVULATORI

3 coppie su 4 ha problemi di CONCEPIMENTO, non dovuti a patologie particolari o infertilità, ma semplicemente perchè hanno rapporti nei giorni sbagliati.

Quando si desidera un bambino, per prima cosa bisogna imparare a conoscere il proprio corpo, quindi per qualche mese monitorare il proprio CICLO MESTRUALE, iniziando a capire quanti giorni dura, da quante fasi è composto e per ognuna, quali sono i segnali che ci vengono inviati e che ci fanno capire in quale fase ci troviamo, perchè è importantissimo individuare i GIORNI FERTILI , nei quali avviene l’OVULAZIONE.

Per ovulazione si intende il momento in cui l’ovaia espelle la cellula uovo per essere fecondata dagli spermatozoi e questa attività avviene ciclicamente una volta al mese. La vita dell’ovulo è di poche ore (12h circa) pertanto, se consideriamo che nell’utero gli spermatozooi possono vivere anche 72 ore, considerando che col passare del tempo la loro vitalità diminuisce, il periodo particolarmente fertile si riduce notevolmente.

A questo punto, l’essenziale è: INDIVIDUARE L’OVULAZIONE.

Ci sono diversi metodi per farlo, uno dei più sicuri è il TEST dell’OVULAZIONE attraverso l’esame delle urine, il quale effettuato su un apposito tampone analizzando la presenza dell’ormone LH (ormone luteina) ed attestandone il picco, indica la probabile imminente ovulazione.

A cosa serve:

Le donne alla ricerca di una gravidanza, possono usare questo test per riuscire a stabilire ed individuare il momento migliore per il concepimento

Dove si trova:

il kit è acquistabile in farmacia e nei supermercati più forniti, in commercio vi sono diverse marche a seconda delle quali, hanno una loro funzionabilità di lettura del risultato del test, ma tutti utilizzano lo stesso concetto, spiegandone l’utilizzo ed il relativo modo di lettura sul foglietto illustrativo che si trova all’interno della confezione.

Come si presenta:

Solitamente si presentano sotto forma di confezione multipla, acquistabili quindi a kit composti da una serie di tamponi usa e getta sul quale effettuare la pipì ed un unico tester che ne analizza il risultato.

Come funziona:

Una volta aperta la confezione troviamo il tester nel quale per ogni esame dovrà essere utilizzato un nuovo tampone, quindi scartato ed inserito nel lettore, a seconda di come viene illustrato dal produttore, procediamo con l’effettuare il test e da qui ad avere il risultato dovremo aspettare circa 3 minuti.

In pratica, attraverso il tampone, il test analizza la quantità presente di LH nell’urina. La Luteina (LH) è un ormone sprigionato da una piccola ghiandola pituitaria situata alla base del cervello; quest’ormone stimola le ovaie a produrre e liberare le uova fino ad avere il così detto “il PICCO LH”, il quale avviene poco prima e ne determina l’ovulazione.

Se stai assumendo farmaci per stimolare l’ovulazione, questo test può contribuire ad aiutarti a determinare il periodo migliore per il concepimento.

Quando fare il test:

il test va fatto una volta al giorno, preferibilmente con la prima urina del mattino e facendo attenzione di aver fatto passare almeno 4 ore dall’utlima volta che si è andate in bagno.

Una volta effettuato il test ed il risultato è negativo, prima di rifarlo bisognerà aspettare la mattina successiva ed una volta dato esito POSITIVO è inutile ripetere l’operazione anche il giorno dopo in quanto l’ovulazione è stata segnalata e risulterebbe ancora negativo, sprecando quindi un tester che potrebbe tornare utile il mese prossimo.

Attendibilità del test:

i test attualmente in commercio sono attendibili al 95,5%, (uno degli ultimi test di ClearBlue anche al 99%), in quanto sono in grado di rilevare con la sensibilità di 10mIU/mL di LH nell’urina.

Quando cominciare il test:

Una volta determinata la lunghezza del tuo ciclo mestruale e quindi i giorni che intercorrono dal primo giorno in cui avviene il mestruo, fino al primo giorno del ciclo successivo, se è un ciclo standard quindi di 28 giorni, potrai iniziare a fare il test l’11° giorno dall’inizio del ciclo e continuare a farlo ogni mattina per le successive 5 mattine, oppure fino a quando il test dovesse risultare positivo in quanto registrato il picco LH.

Quando non è valido il test:

Se il tuo ciclo è inferiore ai 21 giorni o superiore ai 40, il test non è attendibile e non funziona, pertanto in questi casi è consigliabile consultare il tuo medico.

Leggi anche: Quando Fare il Test

I TEST OVULATORIultima modifica: 2011-03-28T15:50:00+02:00da aspirantemamma
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “I TEST OVULATORI

  1. Ciao,
    mi chiamo Micaela, ho 29 anni e da un paio di mesi sto provando ad avere un bambino. Una mia amica mi ha detto che nonostante monitorasse l’ovulazione e riuscisse ad individuarne il giorno, comunque non è riuscita a rimanere incinta. E’ possibile?
    grazie a chiunque riuscisse a chiarirmi un attimo le idee…
    buona giornata

  2. Ciao Micaela,
    confermo quello che ti ha detto la tua amica, non è sempre detto che individuando il momento dell’ovulazione è matematicamente certo che avvenga il CONCEPIMENTO… Certo potrai immaginare che le probabilità aumentano notevolmente, in quanto si riesce a stabilire una parentesi di tempo più ristretta nel quale provare e avere rapporti.
    Pure io ormai sono 2 mesi che riesco a trovare il giorno esatto di ovulazione e comunque i miei tentativi non sono andati a buon fine, in quanto possono entrare in gioco anche tanti altri fattori che possono determinare o meno (quindi sfavorire) la condizione ideale per far in modo che inizi una gravidanza.
    Sapere il momento preciso dell’ovulazione non è sempre un bene, in quanto potrebbe influenzare psicologicamente in maniera negativa te o il tuo partner, facendo in modo che i rapporti non siano più liberi e passionali, ma se mai diventano esclusivamente un fine e se non sono naturali, è ovvio che possa non funzionare… comunque solitamente 1 possibilità su 4 (tipo sorpresa ovetto kinder :)) dovrebbe andare a buon fine, quindi continuaaaa!!!

Lascia un commento