13 Luglio – Santa Trofimena

Tofimena e’ una Santa di origine siciliana, della città di Patti, in provincia di Messina, viene festeggiata e venerata a Minori splendido paese della Costiera Amalfitana ed è omologa di Santa Febronia.

1513122159.jpgLa leggenda racconta di una fanciulla che fu martirizzata per mano del padre all’età di 13 anni, poiché dentro di se portava il desiderio di battezzarsi e di abbracciare la fede cristiana.

Si racconta che la giovane, ebbe una visione di un angelo che le annuncia la consacrazione a Cristo e l’imminente martirio per mezzo del padre, in quanto quest’ultimo voleva darla in sposa ad un giovane di nobile famiglia da lui stesso scelto. Trofimena contraria alle nozze preferì subire le violenze del padre.

Il corpo martorizzato fu affidato alla custodia di un urna di marmo e gettato in mare, le correnti spinsero questa cassa sino alle coste salernitane e precisamente a Minori.

L’urna fu ritrovata sulla spiaggia dalla popolazione minorese, la storia racconta che furono le donne della comunità a ritrovarla, in quanto erano sulla spiaggia a lavare il bucato.

Sembrerebbe che una di esse vedendo la cassa pensò di sbatterci sopra i panni per lavarli meglio, così dopo il primo colpo si sente una vocina dire: “Smettila che mi fai male” La donna, fermandosi e non vedendo nessuno, riprese a sbattere, ma dopo un paio di volte ancora la donna rimane bloccata con le braccia in aria.

Le altre avendo assistito a tutta la scena, spaventate corsero a chiamare aiuto. Sopraggiunti sulla scena gli uomini e vedendo i fatti, decisero di trasportare l’urna con una pariglia di giovenche, ma arrivati al punto doveoggigiorno sorge la Basilica a lei dedicata, gli animali non vollero assolutamente proseguire, fermando il loro cammino.

Questo segno venne interpretato dalla popolazione come il segnale divino della scelta del luogo ove erigere la famosa Basilica.
Le vicende storiche della cittadina sono legate al culto e alla venerazione per la Santa Trofimena di cui, per più di un millennio, ne ha conservato gelosamente le reliquie.

Di tali reliquie si ha notizia storica sin dagli anni 838-839 d.C., secondo quanto riporta una cronaca anonima che narra del trafugamento e delle varie traslazioni subite dai resti della santa per opera dei Longobardi del principe Sicardo di Benevento.

Tre sono le feste che si celebrano un suo onore nel corso dell’anno: 5 Novembre, 27 Novembre e il 13 Luglio.
Il 5 Novembre viene festeggiato anche l’onomastico e si fa risalire questa festa alla data del Ritrovamento delle spoglie sella Santa sulla spiaggia di Minori.

Il 27 Novembre si festeggia il Rinvenimento dell’urna, che era stata nascosta per evitare ulteriori saccheggi da parte dei Longobardi.

Il 13 Luglio, che è diventata nel corso degli anni la festa probabilmente più importante in quanto cade nel periodo estivo, è attribuito alla Santa un Miracolo: Minori stava per essere attaccata dalle imbarcazioni dei predoni infedeli arabi del “Barbarossa”. La popolazione allora invoca l’aiuto della Santa che in una bellissima giornata estiva fa scatenare una tremenda tempesta che sbaraglia le imbarcazioni dei predoni mussulmani. Tale miracolo è riconducibile ai reali saccheggi subiti dalle città della Repubblica Amalfitana per mezzo di vari predoni corsari.

Santa Trofimena aveva enorme venerazione nel territorio della Repubblica marinara d’Amalfi, ed ancora tutt’oggi la festa di S. Trofimena è molto sentita dai discendenti di quegli amalfitani. In tempi più vicini ai nostri, gli emigranti minoresi a New York hanno eretto una cappella anche in questa città e possiedono una copia fedele della statua che viene portata in processione per celebrare, al di la dell’atlantico la festa di Santa Trofimena, Patrona di Minori.

I festeggiamenti del 13 Luglio, si concludono alle ore 23.00 con il tradizionale e suggestivo spettacolo pirotecnico sullo specchio d’acqua antistante Minori.

Ovviamente la legenda che ricordo io e’ molto piu’ condita di particolari curiosi che ora non sto a raccontare per non dilungarmi troppo, pero’ mi piacerebbe poterla ascoltare ancora una volta come nelle sere estive e calde di tanti anni fa….

1733312735.jpg

(Dedicata ai miei nonni, che hanno tramandato in me la sacralità e l’importanza di questa Santa, ed in particolare a mio nonno che a sfinimento volevo me la raccontasse ogni sera, prima di addormentarmi.)

 

13 Luglio – Santa Trofimenaultima modifica: 2011-07-13T17:53:00+02:00da aspirantemamma
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “13 Luglio – Santa Trofimena

  1. Ciao Maris,
    effettivamente è un nome abbastana strano, ma altrettanto utilizato, te lo posso assicurare ;)!
    Adoro questa storia, sarà perchè mi ricorda quando ero piccola, mi ricorda mio nonno, mi ricorda le sere d’estate calde e chiassose, mi ricorda i profumi delle lenuola fresche di mia nonna e se chiudo gli occhi riesco anche a sentire le loro voci e nonostante fossero distrutti dal lavoro, trovavano la forza di farmi addormentare… in tutto questo, la cosa più triste è non aver avuto il tempo di crescere e maturare per poterli ringraziare abbastanza!

Lascia un commento