TagesMutters: Le Mamme del Futuro

Stanca della solita e monotona vita d’ufficio, decisa a dare un colpo di spugna alla mia carriera lavorativa e pensare a me per una volta, mi sono incappata per caso alla scoperta di una nuova professione che probabilmente potrebbe fare al caso mio: la TagesMutter.

Ora molti di voi si staranno chiedendo di cosa si tratta, qualcuno che ha studiato lingue magari azzarda un’ipotesi, ma anche se il nome sembra tutto un programma, posso assicurarvi che è molto semplice… mi verrebbe da dire: “Uno dei lavoro più antichi del Mondo”… ma so già che i più maliziosi di voi a questo punto stanno già volando con la fantasia e facendo qualche sorrisetto.

TagesMutters, dal tedesco letteralmente “Mamma di giorno”, è un termine che definisce una figura professionale nata e diffusasi negli anni 60 nei paesi del Nord Europa, che svolge assistenza presso il proprio domicilio.

È una figura nata per sopperire alle carenze dell’assistenza infantile statale, o complementare all’asilo nido d’infanzia,  ma successivamente sviluppatasi per conciliare famiglia e lavoro, a tutte quelle mamme che dovrebbero comunque occuparsi dei loro bambini e pronte ad aiutare le famiglie con genitori lavoratori, garantendo flessibilita di orari, personalizzazione dei servizi e delle cure, attività saltuaria e così via, per venire incontro alle esigenze di tutti i genitori.

La TagesMutter, è quindi una donna adeguatamente formata, professionalmente più referenziata di una semplice baby-sitter,  in collegamento con organismi della Cooperazione sociale o di utilità sociale non lucrativi, che può accogliere in casa propria fino ad un massimo di 5 bambini (di età inferiore ai 3 anni, compresi i propri figli), di fascia compresa da 3 mesi ai 3 anni ed in tempi non scolastici fino ai 14 anni, fornendo educazione e cura. Se i bambini affidati al servizio hanno tutti meno di 9 mesi, l’operatore non può accoglierne più di tre contemporaneamente.

In questo modo è possibile affidare in modo continuativo e stabile i propri bambini ad operatrici educative formate professionalmente (Tagesmutter) , che garantiranno oltre all’affidamento del proprio figlio ad un unica figura precisa, anche il supporto organizzativo, pedagogico e psicologico, il tutto in unl contesto domestico e familiare, , in collegamento con organismi della cooperazione sociale o di utilità non lucrativi. (L.P. 4/2002, art. 4, comma 2).

Il Calendario e l’orario di frequenza dei bambini viene concordato con le famiglie in base alle esigenze lavorative, prevedendo anche specifici incontri con le famiglie, grazie ad un progetto eucativo specifico, i bambini disabili o in situazione di svantaggio sociale e culturale hanno priorità nell’accesso.

Requisiti previsti per diventare TagesMutters

  • Formazione iniziale e formazione permanente sottolineando la necessità dell’osservazione come punto di partenza per conoscere la realtà e per approfondire con il gruppo e gli esperti di riferimento le varie tematiche inerenti l’educazione                                                                                                                                                  
  • Personale qualificato e “in regola” con formazione e tanto di esame finale.                                                                                                                                                                                                                • Personalizzazione del servizio (flessibilità orario, conciliabilità tempi lavorativi. e tempi familiari)   
  • Piccolo contesto di socializzazione (max. 5 bimbi in compresenza)  
  • Rapporto fiduciario
  • Domiciliarità/casa
    Unica soluzione per bimbi di diversa età
    Possibilità di adattare il servizio alle proprie esigenze nel tempo

 Servizi offerti e caratteristiche

  • Un rapporto fiduciario che favorisce un “legame affettivo” anche tra famiglie.
  • Un piccolo contesto di bambini insieme alla Tagesmutter nel calore della casa.
  • L’opportunità di sviluppare in modo compiuto le potenzialità del bambino instaurando relazioni significative.
  • L’occasione di vivere contesti, situazioni, opportunità, affinchè i bambini possano esprimere tutto il loro potenziale.
  • La condivisione di momenti significativi avvicinandosi alla normalità della vita.
  • Lo svolgimento del servizio in un ambiente idoneo e sicuro.
  • La serietà e l’adeguatezza della persona che lo svolge attraverso un processo di qualificazione professionale e un lavoro svolto “in rete”.

Requisiti della casa

L’abitazione in cui si svolge il servizio deve comprendere almeno una cucina/soggiorno, due stanze e servizi igienici. All’interno del domicilio è individuabile lo spazio in cui si svolge il momento del pasto, del sonno e delle diverse attività di gioco; in particolare un “angolo morbido” e una zona dove i bambini possono svolgere attività di pittura e manipolazione. Gli spazi non sono necessariamente ad uso esclusivo del servizio, ma sono sfruttati e predisposti in modo che durante questo tempo siano facilmente individuabili. Ogni bimbo inoltre ha uno spazio dove conservare i propri effetti personali (solitamente nel locale dove avviene l’accoglienza ). La Sicurezza dell’ambiente è monitorata attraverso l’elaborazione di una scheda della sicurezza e specifici controlli.

Quanto costa una TagesMutter:

il costo di una Tagesmutter non sembra essere molto elevato, circa 5-7,00 euro all’ora con possibilità di convenzioni con Comuni(come ad esempio, a Milano). Il prezzo può essere maggiorato per i gg. festivi e per le ore notturne.

Quanto guadagna una tagesmutter?:

Dipende dal numero dei bambini accolti e dall’orario che si è disposti a svolgere l’attività. In media una tagesmutter può guadagnare da 600 e 1200 euro al mese, in base al fatto che lavori part-time o full-time.

Processo per l’inizio del servizio:

  • Richiesta di servizio: colloquio individuale tra coordinatrice e genitore
    Tempi, necessità, conoscenza del bambino (età, abitudini, ecc.) e della famiglia, presentazione della linea pedagogica, organizzazione del servizio, raccolta richieste e aspettative dei genitori.
    Conferma del genitore
  • Individuazione della Tagesmutter idonea
  • Proposta di servizio
  • Conferma del genitore 
  • Conoscenza della Tagesmutter e del luogo in cui avverrà il servizio
  • Stipula del contratto (affidamento nominale)
  • Inserimento 
  • Conferma definitiva  contratto 
  • Verifiche periodiche.

Sei interessato e cerchi una TagesMutters? Ecco a chi puoi rivolgerti:

Certo a questo punto, mi farebbe piacere poter dire che accetto prenotazioni e sono pronta fin da ora ad aprire ed accogliere in casa mia, simpatici bambini per giocare ed insegnare loro tante cose nuove, ma non è ancora così!

Di seguito per approfondire il discorso ed entrare in questo meraviglioso mondo, trovi di seguito il link ad una delle tante coopetative italiane LA CASA  che opera a Milano, ma ha tanti collegamenti interessanti ed informazioni utili per saperne di più.

TagesMutters: Le Mamme del Futuroultima modifica: 2011-08-25T11:53:00+02:00da aspirantemamma
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “TagesMutters: Le Mamme del Futuro

  1. Ma che bella professione! Magari tra qualche anno, superando problemi vari e più o meno seri (tra cui anche quello della casa adeguata all’esigenze di questa attività) potrei provare ad intraprendere una carriera del genere!!
    Io mi ci sento portata, ma poi è ovvio che serve una formazione professionale….va beh, intanto grazie per l’indicazione, non si sa mai nella vita 😉
    Baci baci baci,
    Maris

    • Grazie Maris,
      è molto interessante questa attività vero?? pure io ci sto facendo un pensierino serio, certo come dici tu bisogna dare la giusta importanta agli spazi e soprattutto una formazione tale che possa consentirti di sapere sempre come comportarsi in ogni occasione… Che poi dopo una “gavetta” come mamma si è già a metà dell’opera!!
      Ps: chi lo sa, magari ne apriremo uno insieme!

    • Tesoro, sarebbe bellissimo: un progetto così da realizzare insieme!!! Ma logisticamente parlando…un tantino difficile, no? Purtroppo un bel pò di km ci dividono… 🙁
      Però è bello sognare…!!!
      E a proposito di sogni….giacchè sono appena passate le 22 ti auguro buonanotte cara e sogni d’oro!

  2. Avevo sentito parlare di micro-nidi, asili nido, scuole materne… ma addirittura la TagesMutter mai! una sorta di maestra o “tata” personale… Comoda come cosa, soprattutto per le mamme che lavorano, così hanno la sicurezza e la tranquillità di sapere a chi lasciano il loro bimbo, soprattutto visto e considerando che spesso gli asili hanno il numero chiuso!
    buona giornata!

    • Ciao Sonia,
      effettivamente per fare un lavoro del genere ci vuole anche molta passione (si spera), quindi de TagesMutter dovrebbero essere tutte donne molto formate e predisposte ad educare e crescere bambini… Il problema degli asili è davvero un delirio: prezzi alti, pochi posti e spesso le mamme non sanno come gestire la cosa e lasciare il lavoro non è la soluzione ideale, visto che a Milano con uno stipendio (poi dipende dallo stipendio :)!!) non si riesce a vivere!

Lascia un commento