La Vitamina E

Parto proprio dalla vitamina E, in quanto è quella fondamentale per chi cerca una gravidanza,  infatti, alcuni studi condotti nel 1922, in seguito ad esperimenti effettuati su topolini, hanno dimostrato che la Vitamina E ha la capacità di aumentare la fertilità, proprio per questo motivo, successivamente venne legato alla vitamina il termine “tocoferolo” che dal greco significa letteralmente “Portatore di prole”.

La vitamina E fa parte del gruppo delle vitamine che si sciolgono nei grassi (liposolubili), ed è composta da sostanze chiamate tocoferoli.

A cosa serve

La vitamina E svolge importanti funzioni antiossidanti e proprio per questo è fondamentale per rallentare i processi di invecchiamento.

     Protegge dall’ossidazione

     Evita l’ossidazione degli acidi grassi presenti nelle membrane delle cellule; proteggendo  le strutture di quei tessuti (come globuli rossi, muscoli, pelle), che hanno un’attività molto intensa.

     Stimola la diuresi.

     Permette ai globuli rossi di trasportare più ossigeno ai tessuti, migliorando così la funzionalità dei muscoli e del cuore, aumentandone la resistenza.

     Favorisce la dillatazione dei vasi sanguigni e ne rinforza le pareti dei capillari.

     Ha un’azione anticoagulante, in quanto riduce la formazione di trombi.

Inoltre si è dimostrata molto efficace per:

    Proteggere l’organismo dall’insorgere di tumori;

    Migliorare l’attività muscolare;

    Prevenire e facilitare la guarigione di ferite, piaghe, cicatrici, ustioni ecc.

    Curare i disturbi della pelle (acne)

    Stimolare il sistema immunitario, sviluppando le difese da attacchi di microbi, virus e inquinamento.

    Stimolare la circolazione sanguigna e migliorarne la pressione sanguigna, prevenendo l’aterosclerosi, diminuendo così il rischio di malattie cardiache, soprattutto nei fumatori!

    Ridurre il rischio di problemi visivi e di cataratta nelle persone anziane.

La Vitamina E e la Gravidanza

Questa vitamina è fondamentale e molto importante sia per il concepimento che  successivamente per la gravidanza, in quanto, oltre ad aumentare la fertilità sia maschile che femminile, contribuisce ad equilibrare il ciclo mestruale e  riduce notevolmente i rischi di aborto.

La Vitamina E aiuta anche a controllare e migliorare i disturbi della menopausa riducendone i fastidiosi disturbi come vampate di calore e mal di testa.

In quali alimenti si trova

La vitamina E la si trova in tutti quegli alimenti vegetali ricchi di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi come:

    Olio d’oliva (se extravergine vi è contenuto un quantitativo più grande);

    Olio di semi di germe di grano, di girasole, di sesamo, di mais, di soia e di arichidi;

    Semi oleosi come lino o di girasole;

    Germe di grano;

    Frutta secca come nocciole, noci, mandorle, arachidi e pinoli;

    Cereali integrali (attenzione perchè se raffinati perdono quasi completamente la vitamina E).

In minori quantità, la si può trovare anche:

          Asparagi;

          Broccoli;

          Spinaci;

          Pomodori;

          Peperoncino Rosso;

          Carote;

          Sedano;

          Fegato di manzo;

          Fegato di merluzzo;

          Tuorlo d’uovo;

          Avocado;

          Frutti di bosco

Quantità necessaria

Le quantità giornaliere consigliate per l’uomo sono 10mg, mentre per la donna 8mg.

Carenza di Vitamina E

I sintomi da carenza di vitamina E sono:

          Anemia Emolitica (dovuta alla rottura dei globuli rossi);

          Comparsa di disturbi nervosi;

          Comparsa di disturbi cardiovascolari;

La carenza di vitamina E si manifesta molto raramente ed interessano solitamente:

          I bambini nati prematuri;

          I bambini nati sottopeso;

          Persone affette da disturbi gastrointestinali cronici;

          Persone con infiammazione cronica del pancreas.

Quando assumerne di più

Vi sono diversi casi che richiedono una maggiore assunzione di questa vitamina:

     In gravidanza e successivamente per tutto il periodo di allattamento, aumenta per la donna il fabbisogno quotidiano di vitamina E, passando da 8mg a 15mg al giorno.

     l’assunzione di Estrogeni, attraverso pillole contraccettive, possono contrastare gli effetti benefici della Vitamina E, richiedendo in questo caso un maggior reintegro.

Spesso per curare ferite, distrurbi della pelle e tutto quello che richiede un utilizzo esterno, viene somministrata anche sotto forma di Creme, così da spalmare direttamente sulla parte interessata.

La Vitamina Eultima modifica: 2011-10-10T13:16:25+02:00da aspirantemamma
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “La Vitamina E

Lascia un commento