La ricetta della Cameretta Perfetta

Viste le tante liete notizie di questi ultimi giorni (vedi BACHECA-Annunci o PerditedaImpianto), ho deciso di parlare di qualcosa di frivolo, ma al tempo stesso molto utile, soprattutto per le neoMamme.

Solitamente, non si ha ancora la percezione reale che si sta per diventare genitori, che si viene catturati dalla frenesia di dover a tutti i costi mobilitarsi per preparare una cameretta al nostro fagiolino, perchè non bisogna fargli mancare nulla e soprattutto non farsi trovare impreparati…

I papà per rendersi utili e sentirsi partecipi si trasformano in provetti imbianchini, pronti a realizzare la tinta più bella e mai vista, unendo amore e creatività, lottando con carta da parati, greche ed adesivi, nello stesso tempo mamma comodamente seduta sfoglia cataloghi di mobili alla ricerca dell’ultima moda e della tendenza del momento… bhè se poi ci si mettono nonni e zii a completare l’opera comprando giochini, pupazzi ed accesseri, proprio non ci si salva più, non accorgendosi che spesso ci si butta in spese inutili o che magari si sarebbero potute evitare.

Ma questa corsa agli acquisti e l’avere fretta, a che serve? Decisamente a nulla.

Nei primi mesi, dovete pensare soprattutto alla salute, alle visite e magari immaginare con il vostro compagno come vi piacerebbe preparare la cameretta del bimbo in arrivo, contabilizzare se si possono affrontare delle spese in questa direzione e successivamente a idee ben chiare, iniziare gli acquisti.

I bambini stanno bene se hanno l’amore dei genitori, non ha importanza che abbiano una cameretta tutta loro, pertanto, non fatevi venire crisi di pianto o di panico se al momento nella vostra casa non era predisposto uno spazio dedicato interamente ai figli. Per i primi mesi i bambini sono sicura che passeranno la maggior parte della notte nel vostro lettone, o in una culletta provvisoria accanto. Successivamente però, è consigliabile rendere il bambino indipendente, andando a riacquistare quella privacy di coppia che inevitabilmente viene compromessa durante i primi mesi dopo il parto.

Manca la stanzetta dei ragazzi? Nessun problema. Oggi in commercio esistono tantissime soluzioni per trasformare un soggiorno in uno splendido spazio notte per i bambini… e poi ci sarà sempre tempo in futuro chissà per cambiare casa e andare in una più grande.

Ma cosa non deve assolutamente mancare nella cameretta di un neonato? Di seguito una serie di consigli e suggerimenti su come rendere ideale ed accogliente uno spazio dedicato al nostro piccolo.

d832a4ba70a.jpgTinteggiatura pareti: per prima cosa è ideale tinteggiare la cemeretta che si vorrà predisporre, in questo caso si farà una pulizia profonda ed una sterilizzazione dell’ambiente. Il colore delle pareti deve essere scelto coscientemente, in quanto deve rendere l’ambiente leggero e rilassante, che lo scaldi, ma non lo appesantisca. Sono da preferire sfumature pastello, rosa o pesca per la principessa e celeste o verde per l’ometto. Greche e stencil sono ben accetti, diverse idee ve le ho già postate qui, l’importante è non esagerare rendendo pacchiano il tutto, ma rendere più accogliente lo spazio.

decorati-con-foto-di-culla-nb17606.jpgCulla: Niente ha maggior importanza del suo lettino! Potete scegliere inizialmente se prendere una culla a dondolo, oppure direttamente una fissa che potrete utilizzare per qualche anno. L’importante è fare attenzione al materasso che si acquista, ricordando che spesso risparmiare non è mai guadagno!

 

 

 

eurekakids-giostrina-da-culla--scimmiette.jpgGiochini da culla: il famoso “chiama angeli” o scaccia pensieri non deve mancare… sceglietene uno che soddisfi i vostri gusti ed appendetelo alla culla. Anche se inizialmente il vostro piccolo non è in grado di riconoscere forme o colori, non è detto che non debba esserci sul suo lettino! Potete comprarne uno con carillon incorporato, oppure predisposto con mollettine e di volta in volta cambiare ed aggiungere i pendagli… sbizzarritevi da questo punto di vista, sono sicura che il vostro piccolo apprezzerà e resterà incantato!

 

ANGEL%20CARE%20FOPPAPEDRETTI.jpgRadiolina: Impossibile farne a meno! Come rimanere tranquilli di lasciare il nostro angioletto dormire tutto solo in una stanza e riuscire a nostra volta a prendere sonno senza la paura che possa smettere di respirare senza che ce ne accorgiamo? Sotto questo punto di vista oggi la tecnologia viene in nostro aiuto e ci sono delle apposite radioline collegate che ci rilevano lo stato del nostro bimbo. In questo caso mi sento di consigliarvi se non avete nessuna idea, AngelCare di Foppapedretti, un vero e proprio monitor ascoltabimbo con l’aggiunta della rilevazione di qualsiasi movimento, compreso quello respiratorio! Credo che sia uno dei più sicuri attualmente, in quanto è dotato si un sensore molto sofisticato che, se non rileva movimenti per 20 secondi, ti avverte immediatamente con un allarme sonoro.

stellina-carillon.jpgCarillon: Immancabile, il dolce suono di questo strumento potrebbe allietare le notti insonni oppure accompagnare il sonno del vostro piccolo rendendolo più sereno e tranquillo… chi di voi non ricorda quella magica melodia dolce di quando eravamo piccoli? In commercio ne trovate infiniti modelli con altrettante melodie. L’ultima generazione ha creato quelli con la riproduzione di suoni della natura, per esempio il rumore delle onde, il cinquettio degli uccellini, ma attenzione a non assuefare il piccolo abusando di questi suoni, rendendo il piccolo incapace di non dormire più senza.

bagn_leone_bianco.jpgFasciatoio: Indispensabile, il posto sul quale cambierete il vostro cucciolo fin dai primi momenti. Deve essere comodo, sicuro, accogliente e facile da lavare (ve ne accorgerete prestoJ!). Soprattutto nei primi periodo dovrete cambiare il vostro piccolo tantissime volte al giorno, proprio per questo motivo è fondamentale sceglierlo con accuratezza e senza lasciar nulla al caso. In commercio ne trovate tantissimi, alcuni con incorporato un mobiletto, altri con cassettoni, con o senza rotelle, colorati o bianchi, in legno o plastica… avrete davvero modo di sbizzarrirvi e soprattutto ne esistono di ogni grandezza, anche richiudibili, oppure da tavolo… destinati a qualsiasi tipo di spazio! Ovviamente per rispettare la comodità e soprattutto la sua funzione, in fase di scelta preferite all’estetica la comodità, ricordate che deve avere un materassino plastificato sul quale stendere il vostro fagiolino. Attenzione che non sia troppo soffice rischiando di farlo sprofondare, complicandovi il momento del cambio.

sedia-classica-a-dondolo-235751.jpgSedia a dondolo: In ogni cameretta dei sogni, c’è una sedia a dondolo che si rispetti… in legno, in vimini o in tessuto non ha importanza, ma indispensabile che pensiate a predisporre un “angolo” confortevole dove poterlo allattare comodamente. Se credete che la sedia a dondolo sia retrò e stoni con il vostro arredamento, siete libere di utilizzare una poltroncina o una comoda sedia. Vi renderete conto che soprattutto nei primi mesi di vita del cucciolo, vi passerete moltissimo tempo sedute ad allattare. Quando la notte affamato vi sveglierà piangendo, sarà un piacere per voi trovare un posto comodo dove potersi accoccolare ed allattare tranquillamente nell’intimità della sua cameretta.

1778.jpgContenitore per pannolini usati: Sia se scegliate di utilizzare quelli lavabili, sia se preferiate quelli tradizionali, in entrambe le situazioni dovrete buttare i pannolini usati e sporchi da qualche parte. Negli ultimi anni alcune note case che studiano e ricercano innovazioni nel mondo dei piccoli, hanno ideato dei contenitori appositi con sacchetti profumati o addirittura con sistemi di deodorazione incorporati nel quale buttare i bisogni del nostro piccolo. Tutto questo evita di andare in giro per tutta la casa da una stanza all’altra lasciando una “fresca e profumata” scia. L’ideale è posizionarli a fianco al fasciatoio, così da evitare dimenticanze in giro, soprattutto duranti gli assonati cambi notturni.

pl200571-indoor_outdoor_thermometer_it_201.jpgTermostato: La temperatura ambientale è importantissima, proprio per questo motivo tenere sottocontrollo il microclima della cameretta è fondamentale per non rischiare di avere troppo caldo o troppo freddo. Per farlo è sufficiente istallare un termostato che indichi i gradi della temperatura con la quale il piccolo convive, soprattutto durante il sonno.

 

soffio_color_2.jpgVentilatore da soffitto:Alcune ricerche hanno affertato che il ventilatore da soffitto sia utile per la prevenzione della SIDS (sindrome della morte in culla), in quanto programmato alla minima potenza, le pale girando permettono di smuovere e far circolare l’aria nella stanza. In merito non ho trovato nessuna informazione che possa screditare o avvalorare questa tesi, pertanto mi permetto di segnalarla, dando a voi la possibilità di scelta, magari chiedendo il parere del vostro pediatra, soprattutto perchè non vorrei che l’aria potesse in quanche modo nuocere sulla salute del bambino, facendogli venire raffreddori o malesseri da raffreddamento. Sarebbe carino se qualche mamma all’ascolto informata in merito, dia il suo parere!

PalestForest.pngTappeto: Certo per i primi mesi non servirà, ma se già vi state attrezzando per il futuro, quello che non può mancare in ogni cameretta che si rispetti è un tappeto dove poter lasciare libire i bambini di esplorare il mondo. Per i più piccoli vi sono le Palestrine, tappeti-gioco tuttofare coloratissimi e simpatici, adatti per accompagnare i movimenti dei primi mesi. Successivamente sono molto simpatici anche quei tappeti di gomma componibili a puzzle per evitare che giocando per terrra, i bambini siano a diretto contatto con i pavimenti freddi.

 

porcellino.jpgLibri: uno, dieci, centomila! Iniziate fin dai primi mesi a leggergli qualcosa, leggendo ad alta voce stimolerete la loro fantasia e l’inteligenza, proprio come consigliano i pediatri per prevenire le difficoltà d’apprendimento. Vi sono libri destinati ad ogni età, spesso si possono comprare anche nei supermercati a prezzi decisamente bassi, ma attenzione! I bambini mettono tutto in bocca, quindi controllate la provenienza e la pulizia degli stessi!

La ricetta della Cameretta Perfettaultima modifica: 2012-01-12T16:54:00+01:00da aspirantemamma
Reposta per primo quest’articolo

11 pensieri su “La ricetta della Cameretta Perfetta

  1. Mia cara,
    hai scritto bene, sono tutte cose importanti ma non indispensabili… (forse quello dei pannolini si…:) ora che ci penso!!)
    Comunque io ho fatto la cameretta alle bimbe solo quando Sara ormai aveva un anno….
    Un abbraccio forte.
    A presto

    • Ciao Carissima Anna…
      è bello poter dare qualche consgiglio alle neomamme su cosa potrebbe oppure no essere utile, ma ovviamente nulla è indispensabile se non l’amore dei genitori per far crescere un bambino!
      A volte tante cose si danno per scontate, mentre ad altre non si pensa perchè magari le nostre mamme non le hanno usate in quanto ancora non esistevano.
      Un abbraccio fortissimo!

    • Ciao Lilly,
      sono felice che il mio articolo sia interessante!
      Senza fare nessuna corsa o spesa pazza, con calma e man mano che un bimbo cresce si possono capire quali siano le esigenze e di conseguenza le cose che possano servire… per la cameretta poi c’è tutto il tempo!
      Un abbraccio forte e torna presto a trovarmi!

  2. Io la cameretta di Raffy in realtà la sto cominciando a preparare adesso…e lei ha 4 anni!!In effetti aveva la culla e il fasciatoio in camera cone me e mio marito fino a quando ha avuto quasi tre anni (aveva un sonno assai disturbato e problemi vari, perciò abbiamo ritardato a farla stare da sola) poi l’ho spostata nella camera che purtroppo è anche studio per mancanza di spazio, quindi non ha ancora uno spazio davvero tutto suo poveretta…
    Antonio ora ha preso il posto di Raffy in camera nostra, ma tra un pò dovrà “sloggiare” anche lui nell’altra stanza con la sorellina.
    Spero che quanto prima potremo comprare una casa tutta nostra e cercare di avere una stanza studio anche piccola a parte, così la stanza dei bambini potremo renderla bella per loro anche se non saranno più neonati! Il fatto è che essendo una femminuccia e un maschietto sarebbe l’ideale avere 2 stanzette separate, specie per quando saranno più grandi…ma dove li troviamo i soldini per una casa tanto grande con tutte queste stanze??? Al momento mi sembra assai improbabile…Pazienza! Si farà quel che si potrà…
    Comunque il raccoglitore dei pannolini sporchi non l’ho mai avuto e invece sarebbe stato utile mi sa 😉 e ho sognato una sedia a dondolo ma non ho avuto neppure quella, sig! Il resto però di ciò che hai citato c’è tutto, carillon compreso (esattamente la stellina della Chicco che c’è qui nel tuo post!)

    Un abbraccione!!
    Maris

    • Ciao Amica mia,
      non c’è una scadenza o un’età che si possa stabilire per mandare a dormire un bambino nella propria cameretta… ho sentito di libri nel quale si parla di spostare il bimbo nel suo spazio, quando ha ancora soli 3 mesi… se si ha lo spazio e tanta buona volontà si può anche provarci, ma non bisogna farsi sopraffare a tutti costi da queste cose.
      Ogni bimbo ha le sue esigenze e le sue tempistiche, io ti auguro davvero che presto possiate trovare il vostro nuovo nido con gli spazi necessari!
      la sedia a dondolo è anche il mio sogno… ma chissà se alla fine sia davvero così utile.
      La stellina è il ricordo di quando ero piccola io…. o le mie sorelle ora non ricordo bene :)!!
      Ti abbraccio fortissimo!

  3. scusa il ritardo ma sono appena tornata da un anticipo di vacanze estive e non osavo sperare in una risposta tanto repentina!!! non so davvero come ringraziarti! è come aver realizzato un sogno…mi metto subito all’opera per capire come ordinare il tutto…
    ti aggiorno e ti ringrazio anche da parte del mio bel maschietto….
    Ciao!
    Lisa

Lascia un commento