Tumore Ovaie: donne alte più a rischio

legame tra altezza e tumore alle ovaie,sintomi del tumore alle ovaie,cancro alle ovaie,ecografia pelvica,prevenzione,visita ginecologica controllo,palpazione bimanuale dell'ovaio,ecografia trasvaginale,rigonfiamento della parte inferiore dell’addome;addome gonfio,dell’unità di epidemiologia dell’università di oxford,valerie beral

 

Da non credere, ma a dimostrarlo è una ricerca di un team guidato da Valerie Beral dell’Unità di Epidemiologia dell’università di Oxford, per la quale sono stati ripresi in esame ben 47 studi studi effettuati precedentemente coinvolgendo circa 100mila donne di 14 paesi diversi (25.000 mila con diagnosi di cancro alle ovaie e oltre 80.000 sane), nel quale è stato riscontrato un collegamento della malattia proprio con l’altezza.

Le donne più alte avrebbero maggiori possibilità di sviluppare un cancro alle ovaie, rispetto a quelle più basse.

Lo studio, pubblicato su Plos Medicine, avrebbe rilevato in particolare che l’aumento di 5cm di altezza porterebbe ad un rischio pari al 7% in più di sviluppare il cancro.

La dottoressa Beral interviene dicendo che i legami tra altezza e cancro alle ovaie, potrebbero dipendere dai livelli dell’ormone della crescita, al maggior numero di cellule o alla maggiore velocità con cui esse si riproducono.

Quali sono i Sintomi del Tumore alle Ovaie?

Il Tumore alle ovaie nelle fasi iniziali NON dà sintomi, per questo motivo è molto difficile identificarlo preventivamente.

Successivamente, quando le dimensioni diventano critiche, è possibile accusare:

·         Rigonfiamento della parte inferiore dell’addome;

·         Senso di pesantezza/tensione,

·         Leggero indolenzimento nella parte addomino pelvica,

·         Modifiche della motilità intestinale.

 

Sintomi da tenere sotto controllo:

Sono tre i campanelli d’allarme che ogni donna dovrebbe tenere ben presente, in quanto potrebbero essere indicatori precoci della presenza di un tumore alle ovaie:

·         Addome gonfio

·         Aerofagia

·         Bisogno di urinare spesso

·         Sensazione di sazietà anche a stomaco vuoto

Secondo gli esperti, questi sono sintomi spesso sottovalutati in quanto potrebbero essere facilmente comuni anche con malattie minori. Ovviamente ora nessun allarmismo generale, i sintomi devono essere considerati solo se si presentano insieme ed all’improvviso (o in rapida sequenza), negli altri casi non devono destare proccupazione in quanto sono normali.

Inoltre, quando si presentano queste situazioni o si ha anche un minimo dubbio, è bene richiedere al proprio ginecologo un’ecografia pelvica, un semplice esame che potrà immediatamente dare una prima ed importante diagnosi.

 

Come Prevenire?

Non vi è una ricetta per prevenire o controllare questa malattia, ma la prevenzione è importante per prendere in tempo tutte le malattie come il tumore alle ovaie, per questo, è buona abitudine effettuare almeno una visita annuale da un ginecologo capace di effettuare una palpazione bimanuale dell’ovaio ed abbinato ad un’ecografia transvaginale di controllo, può sicuramente essere una diagnosi precoce.

 

Fonte:Ansa – Immagine: Web

Tumore Ovaie: donne alte più a rischioultima modifica: 2012-04-06T10:28:00+02:00da aspirantemamma
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Tumore Ovaie: donne alte più a rischio

  1. Grazie per aver condiviso queste informazioni… Sono piuttosto ignorante riguardo questi argomenti, anche se sto diventando sempre più colta, con tutti i medici che frequento! Ma, quindi… Devo essere contenta di essere tappa?! 😉

  2. Ahahahaha… Grande Eva! diciamo che mi sono posta la stessa domanda… 🙂
    Non so davvero quanto effittivamente possa essere provato, credo nell’eccezione che conferma la regola, però l’importante ed il vero motivo per la quale ho pubblicato questo post è per sensibilizzare le donne alla PREVENZIONE e nel riuscire a prendere in tempo questo genere di malattie.
    un abbraccio forte!

  3. Ma aiutooooo! Io sono alta 1,76…che dici, mi devo preoccupare?
    A parte gli scherzi, non si deve prendere alla leggera niente quando si tratta di mali così brutti e seri….l’informazione è sempre utile.
    Baci Trofi…e ancora una volta BUONA PASQUA 🙂

    • Carissima sorellona… tantissimi auguri di una serena e bellissima Pasqua!!
      non me lo avevi detto che eri così alta… complimenti!!!
      E’ proprio come dici tu, spesso è importante prevenire queste malattie e prenderle in tempo…
      ti abbraccio davvero forte!
      a Presto!

  4. Per le informazioni importanti che circolano in rete e grazie a molte ricerche e importanti studi epidemiologici realizzati, posso confermare che sicuramente i livelli di ormoni della crescita hanno un ruolo importante nello sviluppo di questo tipo di tumore, ma anche di altri. Un notevole studio del famoso scienziato T. Colin Campbell e figlio “The China Study” ha messo in evidenza la relazione fra dieta e malattia; vari tipi di cancro sono correlati al consumo eccessivo di proteine animali e spiega in modo chiaro come la dieta vegetariana possa aiutare a vivere in buona salute.

    • Ciao Carissima Marialuisa,
      grazie per il tuo intervento. Sono perfettamente d’accordo con te, una dieta povera di proteine animali è sicuramente il primo passo per prevenire queste brutte malattie. Ero una persona che almeno due volte a settimana mangiava carne rossa, era indispensabile per me, ma grazie alla prevenzione ed alle conoscienze, ora la mia alimentazione è decisamente cambiata e la carne rossa la mangio esclusivamente una volta al mese… forse!
      a presto un abbraccio forte e grazie ancora!

Lascia un commento